Vicino alle famiglie in crisi; Isee da rivedere

Carlesi mette la famiglia al centro del governo

Scambio di opinioni “aperto e proficuo”, nella sala della circoscrizione Prato nord, fra il candidato sindaco del centrosinistra Massimo Carlesi e l’Associazione Pratese per i diritti della famiglia.

I rappresentanti dell’associazione hanno presentato le loro sei priorità per le politiche familiari a livello locale, chiedendo tra l’altro l’istituzione di uno specifico assessorato alla famiglia. Carlesi ha sottolineato di trovare una larga sintonia fra le proposte formulate dall’associazione e quelle che egli ha avanzato in queste settimane, ma ha anche piegato di preferire un rilancio pieno delle politiche familiari del comunesenza rinchiuderle nella gabbia di un assessorato, ma facendole proprie dell’intera azione amministrativa“. Per questo il candidato sindaco Massimo Carlesi si è servito di un paragone. “Pensiamo alla Costituzione – ha detto – dalla quale deriva l’intera attività legislativa, ispirata ai suoi principi e rispettosa del suo dettato. Ebbene, intendo porre la famiglia al centro dell’intera attività amministrativa e di governo“.

Carlesi ha fra l’altro confermato l’intenzione di superare la rigidità dell’Isee, “anche andando, se necessario, contro alcune norme in vigore“. Carlesi ha tenuto però a precisare un punto: “non voglio un puro e semplice assistenzialismo alle famiglie e alla persona, ma voglio intervenire affinché si eviti, con il contributo del Comune, che intere famiglie finiscano per impoverirsi al punto d’aver bisogno di assistenza“. –

Cosa ne pensi?

I commenti per questo articolo sono stati chiusi.