Sondaggio Pd, Carlesi in testa di 6 punti

Il leader del centrosinistra vicino al 50%, Cenni non sfonda (43,5%)

Il Tirreno – Prato

Risultati quasi identici nella rilevazione Ipsos fatta a maggio per il Pdl ma rivelata solo a metà Cenni prenderebbe meno voti delle liste.

Alla fine sono usciti Erano molto attesi. Sono i sondaggi del centrodestra e del centrosinistra, ora entrambi on line, che disegnano il trend del voto per le amministrative del 6 e 7 giugno. Le due indagini hanno una caratteristica sorprendente: sono praticamente uguali. Sarà perchè sono state fatte entrambe dall’Ipsos di Pagnoncelli; o forse perchè sono state realizzate in un arco di tempo relativamente breve, a un mese di distanza l’uno dall’altro: 16-17 aprile quello targato Pd, 12-14 maggio la rilevazione chiesta dal Pdl. Risultati chiari: liste di centrodestra e centrosinistra a due punti e mezzo di distanza, quindi testa a testa; divario di sei punti, invece, tra i “cavalli di razza” Pd e Pdl a favore di Carlesi. Una distanza difficile da colmare.

La prova del nove. Prova e controprova danno risultati incontrovertibili: le liste di appoggio a Carlesi (Idv, Sinistra e Libertà, Pdci, Liberali e Repubblicani) superano di poco il 47% (47,1 nel sondaggio Pd e 47,2 nel sondaggio Pdl), quelle collegate a Roberto Cenni (Pdl, Lega, Udc, Socialisti riformisti, Giovani Pratesi, Prato civica, Taiti, La Destra) sfiorano il 45% (44,7 nel sondaggio Pd e 44,8 in quello Pdl). La lista di Aldo Milone “Prato libera e sicura” arriva, nel sondaggio Ipsos-Pdl appena al 2,4%, mentre nella rilevazione Pd supera lo sbarramento del 3 e raggiunge un sicuro 4,7%.

Manca qualcosa. La differenza sostanziale, tra i due sondaggi, riguarda i risultati sulle intenzione di voto per i candidati: fatta per entrambe le formazioni politiche è stata resa nota solo dal centrosinistra e “secretata” dal centrodestra. Il motivo è chiaro: Massimo Carlesi raggiunge il 49,5% delle preferenze mentre Roberto Cenni arriva al 43,5%. Se il candidato del centrosinistra, rispetto ai voti di lista, porta un valore aggiunto di 2,4 punti percentuali, il candidato del centrodestra è col segno meno: arriva al 43,5% e toglie poco più di un punto ai voti della coalizione. Insomma secondo il sondaggio Ipsos-Pd – ma è difficile che l’indagine Ipsos-Pdl possa aver dato risultati molto diversi – il candidato del centrodestra non sfonda.

L’exploit della Lega. Un altro motivo per il quale il centrodestra potrebbe aver preferito “glissare” sulla pubblicazione, riguarda il risultato della Lega che, secondo il sondaggio Ipsos-Pd, triplica i voti in un anno: dal 2,5% del 2008 al 6% del 2009. Le intezioni di voto, come nelle previsioni, danno in forte calo il Pd, trascinato dal trend nazionale: 39,2 invece del 46,6 delle scorse politiche, quasi un meno 7%. Idv cresce ma non come nelle aspettative: si posiziona sul 5,1% invece del 3,8 del 2008. Gli altri due partiti della coalizione di centrosinistra portano a casa un 2,9% complessivo: 1,7% a Sinistra e libertà, 1,1% ai Comunisti italiani. Rifondazione comunista, che corre in autonomia, raggiunge il 3,1%. Se questo sarà il risultato vero, entrerebbe in consiglio grazie a uno 0,1% di preferenze. Bloccati, secondo il sondaggio i numeri del centrodestra: 4,1% all’Udc come nelle politiche, 33,1% al Pdl invece del 33 secco del 2008. In forte calo La Destra con un 1,5% contro il 3,7% del 2008. Salva, secondo il sondaggio Ipsos-Pd, la lista Milone con un 4,7% invece del 2,4 del sondaggio Ipsos-Pdl (che potrebbe puntare la campagna sul voto utile per sottrarre voti a “Prato libera e sicura”). Ma c’è da tenere presente che l’indagine del centrodestra è stata compiuta un mese dopo quella Pd. A tutto il resto: lista Maila Ermini, socialisti, lista Rubino ecc, il sondaggio attribuisce uno 0,3%.

Il dettaglio Pd. La prima domanda del sondaggio riguarda l’operato dell’amministrazione comunale: le risposte “positivo” e “molto positivo” raggiungono assieme il 53% (40 positivo e 13 molto positivo), le risposte negative invece raggiungono il 44% (giudizio negativo per il 24% degli intervistati, molto negativo per il 20).

Dalle risposte al quesito su chi vincerà le prossime elezioni c’è la conferma che Prato resta una città col cuore a sinistra. Il 49% degli intervistati ha risposto: «il candidato di centro sinistra»; il 23% non sa e il 28% ha attribuito la vittoria al centrodestra. Sulla notorietà dei candidati Carlesi surclassa tutti: il 72% degli intervistati dice di sapere chi è. Dati diversi per Cenni che raggiunge il 46% mentre Milone si attesta 10 punti sotto con il 36%. Parametri alle stelle per Carlesi anche sulla capacità di conoscere i problemi della città (41% a Carlesi, 23% a Cenni) e sulla affidabilità (39% Carlesi, 25% Cenni).

L’esercito degli indecisi. Le indagini Ipsos Pd e Ipsos Pdl sono simili anche su un altro aspetto fondamentale: la quota dei possibil astenuti. Gli indecisi sono il 31,2% nell’indagine targata Pd, 32,5 in quella Pdl. Sarà questo l’esercito, che alla fine, potrà modificare sostanzialmente il risultato dei sondaggi.

Cosa ne pensi?

  1. Ciro Becchimanzi » 22 May 2009, 10:44 · #

    Il sondaggio è stato fatto più di un mese fa e credo che le cose possono solo migliorare, perché Massimo sta facendo una splendida campagna elettorale.

  2. enrico ricchiuti » 22 May 2009, 21:00 · #

    La maggior parte degli indecisi vada a votare e voti Carlesi! è meglio non andare al ballottaggio. Non hanno ancora capito che si tornerebbe ai vecchi tempi del fascismo? speriamo, che si sveglino.

  3. Emanuele Ferrara » 23 May 2009, 12:24 · #

    Questo messaggio è rivolto a Massimo Carlesi: Caro Carlesi,bisogna conquistare gli indecisi e per farlo ti suggerisco di fare come ai vecchi tempi: cominciamo a diffondere il programma elettorale nel comprensorio pratese con auto minite di altoparlanti. Registriamo su un nastro i punti salienti del programma attaccando questa destra antidemocratica e oscurantista. Facciamo sentire ai cittadini pratesi che noi ci siamo, siamo vivi e decisi a vendere cara la pelle, non lasciamo nulla di intentato, lanciamo il nostro messaggio alla città, insomma facciamoci sentire.

  4. roberto lugli » 23 May 2009, 14:15 · #

    convinciamo i nostri elettori ad andare a votare e’ proprio con i nostri che troviamo piu’ difficolta’se riusciamo a fare questo, anche se in parte, riusciremo a raggiungere oltre il 50 %

  5. Emanuele Ferrara » 24 May 2009, 12:28 · #

    Appello agli indecisi: Cari elettori che avete sempre votato per la sinistra e che ora siete delusi e indecisi, sappiate che la democrazia in Italia stà correndo pericoli molto seri. La posizione dell’Imperatore Berlusconi è infatti eversiva e al tempo stesso populista.Il suo modo di attaccare le istituzioni rivolgendosi direttamente alla gente ricalca lo stile fascista di mussoliniana memoria. Se l’art. 1 della carta costituzionale dice che il potere appartiene al popolo, afferma anche che questo viene esercitato attraverso il parlamento. Attaccare la giustizia e il parlamento per indebolirli è perciò un tentativo eversivo e populista di chi vuol governare scavalcando tutti senza nessun controllo. Di fronte a questo pericolo tutti gli antifascisti pratesi, tutti i liberali, tutte le persone di sinistra che credono veramente nella democrazia, hanno il dovere di votare un partito che sia in grado di arginare questa pericolosa deriva. Oggi l’unica forza che può numericamente opporsi a questa seria minaccia è “IL PARTITO DEMOCRATICO”.Non disperdete il vostro voto in liste che non possono avere alcun contrappeso politico. Votate e fate votare per “MASSIMO CARLESI” al Comune, un grande pratese al servizio della città.

  6. Ricchiuti Enrico » 24 May 2009, 17:10 · #

    Prima di tutto un ringraziamento per aver esposto il mio messaggio del 22 maggio, non ho niente da nascondere e rendendo pubblico ciò che si ha dentro è democratico non come vorrebbe fare la destra, è anche per questo motivo che la nostra sinistra perde voti, perchè con noi tutto è permesso,(comunque senza voler forzare nessuno è meglio perdere i traditori,disonesti e furbi)- La nostra sinistra è bene sia unita e fatta di persone oneste e che vada incontro a tutti per l’amore di tutti è solo con l’amore che si può salvare l’umanità e non con il disprezzo l’odio, l’invidia e altro. La destra ci ha copiato anche la battuta su Dio, sta copiando tutto addirittura Berlusconi vuol esser Dio. Speriamo che non ci tradiscono i delusi, comunque dobbiamo essere più incisivi, mi sembra una campagna elettorale un pò fiacca va bene che anche Cenni sembra per nostra fortuna un palo incravattato. Nell’altra legislatura la battaglia era tra Del Vecchio e Giacomelli, comunque sempre del PD. Oggi in autobus l’autista e un passeggero di destra dicevano che anche se Berlusconi non piace, però ha programmi e la sinistra è solo per attaccare (come sono futili questi discorsi) io ho chiesto se potevo parlare anch’io dicendo di essere di sinistra e dopo aver difeso le nostre ragioni dopo poco mi è stato detto dal passeggero anziano che tra l’altro conoscevo: Chi ti ha chiamato? E’ così è la destra arrogante, reprimente censurante. Pensateci bene prima di darci in pasto ai lupi, cari elettori. Salutoni a tutti.

  7. Enrico Ricchiuti » 27 May 2009, 20:05 · #

    Che le parole tue e dell’altro Massimo, non restino solo bei discororsi e che vadano davvero al massimo soprattutto dopo le elezioni, rimaniamo a disposizione delle persone di tutti nei fatti, non lasciamo nel dimenticatoio,manteniamo le promesse e scopriamo altre strade che aiutino davvero tutti, sempre. Io sono disposto a lavorare a rotazione, in modo da far lavorare anche i giovani,più spazio a tutti specie ai giovani e al femminile. Mia moglie e anche tanta altra gente chiederebbero il distretto Asl anche all’est.Comunque c‘è da rifare anche tante strade in quasi tutta Prato. Questo governo aiuta solo i comuni di destra,ma noi non dobbiamo cedere. Mi rivolgo anche a tutti perchè ti sostengano di più, non basta dire, che questa volta è più dura, lascino da parte i rancori.

  8. Enrico Ricchiuti » 28 May 2009, 22:11 · #

    Martedi viene anche Berlusconi, che si porterà dietro tutta la sua destra, che applauderà a più non posso per far credere che solo loro fanno bene, magari insceneranno anche un falso attentato, dicendo poi che la sinstra ricorre a tutto pur di vincere anche con la violenza. Prima dava la colpa all’euro e quindi a Prodi, che l’aveva introdotto,ora dà la colpa alla sinistra prtese che ha permesso a troppi cinesi di entrare a Prato e i rifiuti di Napoli. Allora molti hanno creduto in lui, anche perchè ha tolto l’ici. Come mai, ma prima chi era al governo prima di Prodi. Sorge un dubbio, ha forse a che fare con la mafia o è lui stesso il mafioso n.1 che ordina di mettere i rifiuti per le strade, fa entrare i clandestini per poi dare la colpa alla sinistra. Ci fa ripagare l’ici in altro modo. Io sono per la non violenza, ma mi viene un altro sospetto, perchè hanno ucciso Kennedy, Moro, il Papa buono, forse anche Berlinguer e queste persone farabutte no? Martedi, andrò a curiosare, per vedere come cercherà di abbindolare anche i pratesi. In toscana sono nati tanti geni e i migliori a parte Leonardo da Vinci, Galilei, e altri, perciò voglio ancora rivolgermi agli indecisi e soprattutto alle persone che ragionano, che la Toscana è rimasta una delle pochissime Regioni con cervello, cosa vogliamo fare, cedere proprio ora che ce n‘è più bisogno, non regaliamo anche la toscana nelle mani dei falsi, ragioniamo ora, non rimordiamoci la coscienza quando sarà troppo tardi.

I commenti per questo articolo sono stati chiusi.