"Mobilitazione per Prato"

Massimo Carlesi regge lo striscione lungo un chilometroCosì come annunciato, Massimo Carlesi ha preso parte alla mattinata di mobilitazione per il distretto. Giunto con qualche minuto d’anticipo in piazza Mercatale, il candidato sindaco del centrosinistra ha avuto modo d’incontrare alcuni dei numerosi rappresentanti dei lavoratori e delle categorie economiche. Poi, ha scelto di essere uno dei duemila, quasi nascosto fra gli altri, ma riconosciuto da molti.
Pronto a un rapido scambio di battute con chi ha incrociato durante il corteo da piazza Mercatale a viale della Repubblica, Massimo Carlesi non ha però mai lasciato lo striscione record.
A fianco della moglie Manuela, si è compiaciuto del successo della mobilitazione e delle presenze autorevoli dei vertici nazionali delle associazioni e dei rappresentanti delle altre città e province tessili.
«Apprezzo questa unità e questa compattezza – ha brevemente dichiarato – e spero che avremo la possibilità di continuare, insieme, nella battaglia per Prato. Adesso, dobbiamo arginare gli effetti di una crisi gravissima, anche per farci trovare pronti al momento della ripresa. Anche allora, dovremo mantenere questa compattezza, volta non solo alla salvaguardia di Prato ma anche al suo sviluppo, sia nel tessile più innovativo che in altri settori. Mi auguro che questo lungo nastro di stoffa possa percorrere anche le vie di Roma e che non venga subito chiuso in un museo o in un magazzino»

Cosa ne pensi?

I commenti per questo articolo sono stati chiusi.