Immigrazione

La Nazione

di MASSIMO CARLESI
IL FENOMENO migratorio, volendo brevemente riassumere, è di due tipi. Ci sono persone che sono arrivate a Prato in cerca di lavoro e che lo hanno trovato, spesso da tempo, nelle fabbriche, nell’edilizia, nelle famiglie. Questo tipo d’immigrazione è una presenza attiva in città, che cerca d’integrarsi e che, in qualche caso, c’è già riuscita. Spesso si tratta di intere famiglie che hanno acquistato casa a Prato e possiamo parlare di immigrati «storicizzati». La risposta a queste persone non può che passare dalla concessione di diritti e dal rispetto di doveri. Dobbiamo garantire loro la casa, la salute, la vita sociale e dobbiamo pretendere il rispetto delle norme e dei regolamenti comunali, della libertà religiosa, delle scelte personali. Di fondamentale importanza sono la scuola e la conoscenza della lingua. Ma lo sono anche l’impegno del Comune e delle forze dell’ordine per aumentare il senso di sicurezza nei vecchi e nei nuovi abitanti di Prato, restituendo decoro alla città e reprimendo il commercio abusivo.
L’altra faccia del fenomeno riguarda, benché non tutte, le aziende a titolarità straniera. Dico che a Prato non possono più essere consentite zone franche. Come abbiamo preteso, nel passato e dalle aziende italiane, il rispetto delle norme sugli scarichi, sulla sicurezza e sui diritti dei lavoratori, dobbiamo pretenderlo dalle imprese straniere. Dobbiamo saper controllare e reprimere i fenomeni d’illegalità diffusa e, per questo, il governo deve rendersi conto che vanno rafforzati, a Prato, gli organici della polizia postale e della guardia di finanza (che possono tra l’altro controllare i flussi di denaro), dell’Ispettorato del lavoro, dell’Inail e della polizia di Stato. Quanto alla polizia municipale, deve continuare ad occuparsi degli indispensabili controlli sul rispetto delle regole per l’igiene, l’orario di apertura dei negozi, delle norme edilizie. Anzi, i controlli vanno se possibile incrementati.
candidato sindaco Pd

Cosa ne pensi?

I commenti per questo articolo sono stati chiusi.