Il Governo deve dare risposte sul lavoro; L’appello all’indomani del 1º Maggio

Il Tirreno - Prato

«Il Governo deve dare risposte sul lavoro»
L’appello del candidato sindaco Carlesi all’indomani del 1º Maggio

All’indomani del 1º maggio, il candidato sindaco del centrosinistra, Massimo Carlesi, torna sulla due giorni che il Partito democratico e le forze politiche e sociali hanno dedicato al tema del lavoro e, visti i tempi, della crisi.

« Abbiamo dedicato due giornate intere al lavoro, preparando la Festa dei lavoratori con proposte concrete, sottoscritte qui in città dal segretario nazionale Dario Franceschini e dagli onorevoli Lulli e Giacomelli ». « Adesso, vedremo che cosa vorrà fare la destra, alla quale chiediamo una risposta », dice Carlesi.

Una risposta a Roma, « *e una a Prato* dove i rappresentanti della destra hanno brillato per la loro assenza alle manifestazioni per un 1º maggio che mai come quest’anno avrebbe richiesto una forte e unanime partecipazione ». In realtà il candidato Pdl Roberto Cenni, precisano dal suo staff, pur non prendendo parte al corteo, ha partecipato alla manifestazione in piazza Duomo.

« È andata bene lo stesso – aggiunge il candidato sindaco – anche e soprattutto perché abbiamo, e ho, avuto modo di confrontarmi ancora una volta con i lavoratori, con chi rischia di perdere il posto e con chi lo ha già perduto ».
« Prato sta rivolgendo, grazie al tavolo di distretto e ai nostri parlamentari, proposte serie al Governo e valide per tutto il Paese – prosegue Carlesi – Al tempo stesso, ci stiamo organizzando, con proposte e idee altrettanto concrete, per fronteggiare la crisi ».

« Quello che voglio e quello che propongo nel mio programma è di evitare che un numero elevato di famiglie finisca sotto la soglia di povertà – conclude Carlesi – Ho parlato già di misure concrete (fondo per oltrepassare i criteri Isee, sostegno per l’acquisto di libri scolastici e altro) per arginare gli effetti della crisi e di un momento, settembre, che si preannuncia doloroso. Il Comune farà la sua parte. Al tempo stesso, senza stare con le mani in mano, la Prato del lavoro, delle imprese come dei lavoratori, chiede un interesse vero, di un Governo degno di questo nome »

Cosa ne pensi?

I commenti per questo articolo sono stati chiusi.