Carlesi e l’operazione bomba a Coiano: «Gli anziani sono stati davvero meravigliosi»

La Nazione – Per il candidato sindaco del centrosinistra Massimo Carlesi le operazioni di rimozione dell’ordigno bellico trovato a Coiano devono essere state un’esperienza molto positiva, tanto che ieri le ha volute commentare. «Domenica gli anziani sono stati a dir poco meravigliosi, riuscendo a capire la situazione e, in parecchi casi, ad aiutare i loro coetanei», ha osservato.
«Accanto a una macchina organizzativa impeccabile — ha aggiunto —, al Comune, ai volontari e alle forze dell’ordine, è stato decisivo il contributo dei cittadini, a cominciare proprio dagli anziani. Ciò dimostra che le persone più avanti negli anni sono una risorsa per la città che deve a sua volta, e col loro stesso aiuto, provvedere alla tranquillità, alla sicurezza e alla tutela della salute degli anziani».
Nella nota inviata ieri dallo staff di Carlesi si dice anche che «la sicurezza è uno dei punti, complessi, che più stanno a cuore alle persone avanti negli anni», così il candiato sindaco propone «un salto di qualità ai già efficienti centri sociali, associazioni, luoghi d’aggregazione: possono essere gli anziani stessi, informati e formati, a spiegare ai loro coetanei forzatamente meno attiviti quando è il caso di diffidare dei presunti malintenzionati, quando è il caso di chiamare le forze
dell’ordine, come fare a difendersi».
Per Carlesi «sicurezza significa anche tranquillità, certezza di essere seguiti». E quindi ha aggiunto: «Sono molti gli anziani impegnati nel mondo del volontariato e dell’associazionismo che potrebbero, col pieno supporto del Comune e forti della conoscenza delle problematiche della terza età, procedere per esempio alla formazione delle badanti, così come alle attività culturali, formative e sportive dei loro coetanei. In tutto questo, una risorsa è rappresentata dalle attività socialmente
utili che gli anziani stessi svolgono con il Comune che danno ottimi risultati e che possono senza dubbio essere rafforzate».

Cosa ne pensi?

I commenti per questo articolo sono stati chiusi.