Da Provincia e Comune gli strumenti per invertire il trend e creare posti di lavoro

Carlesi e Gestri sull'occupazion

Patto forte tra Provincia e Comune attraverso l’azione integrata del Tavolo di distretto e dell’Agenzia per lo sviluppo. Lamberto Gestri e Massimo Carlesi, candidati del centrosinistra alla Provincia e al Comune di Prato, hanno concordato un piano comune per difendere il lavoro e i lavoratori e per creare nuova occupazione, «buona e stabile».

«Non c‘è tempo da perdere: chi sta investendo e innovando, nel tessile o su versanti diversi, va aiutato – osserva Carlesi – Abbiamo gli strumenti giusti per creare posti di lavoro o per favorirne la creazione. Il Governo deve smetterla di scherzare e prendere in giro. Deve finanziare Prato».

«Il Tavolo di distretto è l’unico ad essere riuscito a portare Prato all’attenzione nazionale – sottolinea Gestri – Adesso dobbiamo fare di più, e per questo sarà decisivo il gioco di squadra tra Provincia e Comune di Prato. Oltre alle proposte che abbiamo già pronte, studieremo insieme strategie diversificate per fronteggiare l’emergenza ma anche per dare nuovo sviluppo al distretto. Dobbiamo cambiare marcia e accelerare il passo: il Tavolo, forte dei tanti soggetti che ne fanno parte, sarà il luogo privilegiato in cui promuovere nuove proposte che poi troveranno gambe grazie alla sinergia con l’Agenzia promossa dal Comune».

«Abbiamo le idee chiare e sui nostri programmi abbiamo messo nero su bianco strumenti nuovi. Inoltre – dice Massimo Carlesi – Molte persone, giovani e non solo giovani, e molte imprese che abbiamo incontrato in queste settimane rappresentano risorse vere, da finanziare, da formare e da sostenere subito. Tutto il contrario di quel che si evince da alcune frasi di Bonaiuti, giunto a Prato per dividere, senza un’idea precisa, senza rinunciare a discorsi di cattivo gusto, salvo correggere il tiro in corsa». Carlesi e Gestri definiscono comunque “strumentali” le dichiarazioni di Bonaiuti, visto che «niente è stato messo nero su bianco. Sentiamo puzza di ennesima promessa elettorale».

«La mia Provincia, invece, vuole stare a fianco di operai, artigiani e delle loro imprese – conclude Gestri – Stiamo già lavorando in varie direzioni per il sostegno alle aziende virtuose, dialogando anche con le banche e facendo valere il peso dell’istituzione, e vogliamo portare avanti la battaglia per gli ammortizzatori sociali. Ma dobbiamo anche guardare al futuro e rilanciare la produttività: per questo ci saranno ancora più incentivi a fondo perduto per le nuove imprese e per i giovani che hanno intenzione di mettersi in proprio. Inoltre continueremo a spingere per ottenere il marchio di tracciabilità dei prodotti».

Cosa ne pensi?

I commenti per questo articolo sono stati chiusi.