Carlesi attacca Cenni: «No al finto buonismo»

Ieri l’inaugurazione del comitato elettorale nella sede di via Muzzi

Il Tirreno – Prato
Arredamento minimal, muri candidi, legno. Molto chic. E’ la nuova sede, in via Muzzi 55, del comitato elettorale dei candidati Pd per Comune e Provincia Massimo Carlesi e Lamberto Gestri, inaugurata ieri pomeriggio. Il “passaggio” di pragmatica l’hanno fatto tutti: dai big del partito – dal sindaco Romagnoli al presidente di Asm Benigni, a Gianni Del Vecchio – alle seconde file. Risultato: circa un centinaio di persone dentro ad ascoltare e fuori a chiacchierare.

Ci ha pensato Carlesi a scaldare l’ambiente attaccando – ma nemmeno troppo – il candidato sindaco del centrodestra Roberto Cenni. Sotto accusa il “buonismo” che il candidato del centrodestra sembra utilizzare, almeno in questa prima fase di campagna elettorale. «Destra e sinistra – ha scandito Carlesi – non sono la stessa cosa. La citta che immaginiamo noi del centrosinistra è profondamente diversa da quella che loro dipingono».
Secondo Carlesi «se Cenni farà proprie le cose che la Lega e il centrodestra stanno dicendo certo non avrà nulla a che vedere con il “buonismo” che oggi mostra. Se qualcuno ha in mente – ha concluso – una città a due velocità, con chi sta davanti e chi sta dietro, allora dovrà fare i conti con noi». Gestri, nel suo intervento, ha puntato ancora su lavoro e sul ruolo della Provincia «che aiuterà Prato a uscire dalla crisi».

-

Cosa ne pensi?

I commenti per questo articolo sono stati chiusi.