Appello finale

di MASSIMO CARLESI

In queste settimane, ho incontrato tante persone. Molte hanno fiducia in me. E io in loro.
Sono convinto che questa fiducia reciproca, reale e leale, sia il primo e fondamentale passo per risolvere insieme i problemi di Prato. Problemi che sono grandi, che vengono in diversi casi da lontano e che richiedono l’impegno di forze, intelligenze e, anche, esigenze diverse. Tutti siamo chiamati a dare il nostro contributo, per risolvere e per segnalare grandi questioni e piccole preoccupazioni.
Servono competenze specifiche, come quelle di chi chiamerò in assoluta libertà a far parte della mia giunta. Serve, soprattutto, la buona volontà da parte di tutti i pratesi.
Quando sarò sindaco, continuerò ad ascoltare e a confrontarmi con tutti. Continuerò a muovermi in autobus, a frequentare luoghi pubblici e di ritrovo, a condurre una vita normale per continuare comprendere qual è la situazione in città, che cosa chiedono i suoi abitanti. E ciò al di là delle mie proposte e delle decisioni che alla fine dovrò assumere.
Dicevo che servono le idee e l’impegno di tutti. Io ho garantito il mio in queste giornate e serate intense e ho avanzato alcune proposte, che ho messo nero su bianco sul mio programma. Lo garantirò come sindaco.
La città vive il momento più difficile da mezzo secolo a questa parte. Le preoccupazioni sono molte. Ciò che mi assilla, però, è il desiderio di sostenere Prato e i pratesi nella loro voglia di cambiamento, di rinnovamento e di rilancio. Perché la politica deve cambiare e la città deve tornare a immaginare, creare e vivere del suo futuro.

Cosa ne pensi?

  1. luca » 15 February 2009, 23:51 · #

    ha vinto!!!!!!!!!!!!!!!
    e visto l’apparato di cui godeva l’altro canditato, possamo dire che abbiamo vinto noi, che lo abbiamo sostenuto solo dalla base.
    ed ora attento massimo a chi ti sorride a denti stretti.c’e’ sempre qualcuno che vuole salire sul carro del vincitore e prato non e’ immune da questo vizio.BRAVO CI FIDIAMO DI TE

I commenti per questo articolo sono stati chiusi.